Allora, vediamo di addentrarci un po' nel mondo di 2MM Darkest, ma mantenendo un tono confidenziale.
Ecco, mi piacerebbe che questo articolo, e gli altri che verranno, fossero considerati come dei racconti narrati su una spiaggia, attorno a un fuoco, verso mezzanotte...


Ho messo la mia firma su tre serie di Darkest, tre serie particolari che (con la lodevole eccezione di Hjuki, fratello di Bil) hanno protagoniste femminili. Ne arriverà anche una quarta, chissà, che prevede un unico - corposo - volume. Staremo a vedere.

Tre donne.
E il tempo.
Il tempo ha giocato sempre un ruolo fondamentale, in queste storie.
Il primo volume, Jack & Jill, è dedicato al tempo perduto, perché è stato scritto in un momento particolare, in cui sì, avevo sprecato un paio d'anni della mia vita.
Averlo finito di scrivere, così strano e imperfetto, spigoloso, con continui sommovimenti, all'interno del testo, della sequenza temporale, mi aveva liberato.
L'universo di Darkest, per allora, s'era già formato, era diventato uno scenario identitario, con uno scopo ultimo ancora nascosto, o non completamente formato.

La saga di Jack & Jill procede a ritroso: conoscete i suoi protagonisti di più a ogni nuova uscita, ma si tratta di avventure che sedimentano nel loro passato, spesso da decenni.

Anche Marilyn, protagonista della serie The Lollipops, è rivolta al passato, ma unicamente per scoprire il proprio futuro. Lei, al contrario di Bil che lo ferma, il tempo lo vede in anticipo. Può vedere il futuro e, tragicamente, proprio il passato, che è la cosa che le manca, è destinata a non poter conoscere, se non attraverso frammenti, tracce, indizi che lei stessa, in un'atra epoca, o vita, ha disseminato perché la se stessa futura li trovasse.
Curioso come anche la serie, in qualche modo, ricalchi il dono della protagonista. È vero, Darkest ha avuto inzio con Jack & Jill, ma i volumi di Marilyn sono stati scritti prima.
E proprio come il passato di Marilyn, ho dovuto "riscoprirli" per renderli "canonici" con l'ambientazione.

La terza protagonista è Barbara Brambilla, BB, protagonista delle Avventure omonime. La meno eroica delle tre, la meno desiderosa di fare quello che fa o di essere ciò che è diventata: una sovrumana.
Schiacciata dalle lusinghe e dalle pretese di un immortale, Barbara vive un eterno presente: un'alba perenne. Non invecchia, non ha il ciclo, non rimane incinta. È... sospesa.
Sogno, realtà?  Chi può dirlo?

E soprattutto, le tre sono destinate a incontrarsi? Per le prime due è già successo. Sarebbe divertente vederle tutte in azione nella stessa storia...

Quel che è certo, è che il tempo non è qualcosa di indefinito che scorre attorno a loro, ma, piuttosto, il quarto protagonista. Silenzioso e inarrestabile, ma anche pieghevole, mutevole, affettuoso e crudo.




LASCIA UN COMMENTO

Back Back